• Home
  • Esperienze
  • SIENA Visita e degustazione con pranzo in azienda agricola e pastificio

SIENA Visita e degustazione con pranzo in azienda agricola e pastificio

 

Il tour presso l’Azienda Agricola Madonna Bella è  comprensivo della visita dei vigneti, del frantoio e del pastificio (meteo permettendo).

Questa esperienza è priva di barriere architettoniche e la rende quindi perfetta anche a disabili o per chi si muove in sedia a rotelle.

Si parte dalla visita dei vigneti con spiegazioni sulle viti e le loro differenti vinificazioni, un accenno alla storia aziendale, due passi nell’orto e un percorso interessante: potrete vedere anche una fonte medievale  e alcuni  rifugi utilizzati nella seconda guerra mondiale, ma dalle origini più antiche. Si procede poi con una passeggiata nei campi dove viene coltivato il Grano Senatore Cappelli, (una pregiata varietà di cereale antico, recentemente riscoperta da pochi agricoltori e adatta a tutti i tipi di alimentazione) e una passeggiata in oliveto. 

 

Poi al frantoio con spiegazione della frangitura e  video per far capire meglio la lavorazione di questo pregiatissimo prodotto. 

La visita si conclude con il pastificio, una delle eccellenze italiane! Potrete capire l'evoluzione della pasta e il metodo di produzione.

 

I proprietari vi delizieranno poi con un ottimo pranzo che comprende:

Antipasti misti (formaggi pecorini, salumi, bruschette, verdure di stagione dall’orto, ecc..);

Pasta (due tipologie) pasta secca dell’azienda con sugo fatto in casa con prodotti stagionali;  pasta fresca dell’azienda  con ragù fatto in casa;

Dolce fatto in casa (tiramisù o crostate…);

Acqua;

Tre tipi di vini (Bianco IGT, Chianti DOCG e Super Tuscan IGT);

Caffè.

Durata media del tour 2,5 ore.

Costi di visita e pranzo in azienda:

Adulti Euro 38,00

Bambini Euro 25,00 (se più di uno, sconto del 50%).

Sotto i 10 anni GRATIS

Su richiesta, il proprietario potrà effettuare un TRANSFER dal vostro alloggio all’Azienda Agricola.

Perché prenotare questo tour?

  • Per riscoprire i sapori e i profumi genuini che stiamo perdendo.
  • Per passare una giornata all’aria aperta, respirando l’aria buona della campagna.
  • Per imparare molto da chi le cose le fa e le tocca con mano ogni giorno, i piccoli imprenditori agricoli.

Prenotate con noi questa visita con pranzo in azienda, saremo felici di aiutarvi e di rendere il vostro soggiorno in Toscana ancor più unico ed esclusivo!

 

  

Un piccolo approfondimento sul grano Senatore Cappelli

I grani antichi sono varietà del passato rimaste autentiche e originali (non hanno subìto alcuna modificazione da parte dell’uomo per aumentarne la resa). Tra questi il più noto e diffuso è il canadese Kamut ormai diventato un vero e proprio brand registrato.

Il Senatore Cappelli è una delle varietà italiane più conosciute, una tipologia di grano antico coltivata principalmente nel Sud Italia.

La sua storia, inizia nei primi anni del ‘900 quando il genetista Nazareno Strampelli, partendo dai grani nordafricani, selezionò una varietà rustica molto resistente e adatta ai terreni del meridione, una pianta alta fino a un metro e ottanta, cui decise di dare il nome di senatore Cappelli, che aveva iniziato la modernizzazione dell'agricoltura in Puglia e che gli aveva consentito la sperimentazione nei suoi terreni.

Le spighe di grano Cappelli, ottenute da una attenta selezione naturale a Foggia, sono state per decenni le coltivazioni più diffuse sul Sud Italia e nelle Isole. Il grano Cappelli viene considerato il padre del grano duro, definito negli anni '30 "razza eletta", è un grano duro rustico che predilige terreni poveri e argillosi.

Detiene eccellenti qualità nutrizionali e un alto valore proteico; in Puglia tali caratteristiche gli hanno valso l'appellativo di "carne dei poveri".

 

Ma chi era Nazareno Strampelli?

Nazareno Stampelli nacque a Crispiero (Macerata) il 29 maggio del 1866.

Dopo i sui studi universitari presso la facoltà di agraria di Pisa, nel 1900 iniziò a studiare l'ibridazione sulle specie di frumento. Come prima specie lavorò sul "Rieti", incrociandolo con il grano "Noè" così da ottenere una pianta molto resistente alle malattie del periodo.

Il suo obiettivo era quello di rendere culture cerealicole più resistenti alle malattie, in modo da trasformare in produzioni agricole più alte e redditizie per gli agricoltori.

Nel 1905 fondò l'Associazione degli Agricoltori; nel 1919 istituì l'Istituto Nazionale di genetica per la Cerealicoltura e nel 1926 mise in piedi l'Associazione "Riproduttore Sementi di Reti" la quale avrebbe dovuto migliorare la distribuzione delle sementi sul territorio.

Nel 1907 il deputato del Regno Raffaele Cappelli, permise a Stampelli di effettuare semine sperimentali sui campi di sua proprietà vicino a Foggia, essendo lui stesso interessato agricoltura.

Strampelli selezionò una varietà autunnale con buone qualità di adattabilità e adatta alla pastificazione.

E' il grano che nel 1915 verrà chiamato "Senatore Cappelli" il padre di tutti i grani duri.